il preventivo

IL PREVENTIVO

Il punto di partenza di ogni impianto è sempre il cliente finale.

Il nostro primo consiglio quindi è di parlare con lui, ed eventualmente anche con l’architetto, per capire cosa realmente vuole gestire con il suo impianto di domotica.

Generalmente il cliente non ha le idee chiare su quello che vuole realizzare. Facciamo quindi un riepilogo insieme.

Le funzioni di base di un impianto di solito sono:

  • Clima
  • Luci
  • Automazioni (tende/tapparelle)

Il clima è una delle esigenze più diffuse. Con la domotica potrete realizzare una gesitone separata ambiente per ambiente e controllare tutto dal touch o dallo smartphone.

Identificate il sistema di climatizzazione adottato sia per il caldo che per il freddo.

Per le luci generalmente è necessario identificare il numero totale di accensioni e poi quante di queste devono essere regolabili e quante on/off.

A questo punto è necessario anche scegliere se si vuole adottare un tastierino di domotica di design oppure dei pulsanti tradizionali collegati alla domotica.

È una scelta principalmente estetica, ma incide molto sul risultato finale dell’impianto ed è un argomento che avrete necessità di affrontare fin da subito perché cambiano le scatole da incasso da utilizzare.

Con ClicHome potrete adottare diverse soluzioni:

  • Interfacce per qualsiasi serie civile standard
  • Tastierini a sfioro in vetro ultrasottile
  • Tastierini di Design Materica

Per le automazioni in genere basta avere il numero complessivo di motori che dovranno essere gestiti dalla domotica per calcolare il relativo numero di canali.

A questo punto potrete scegliere con il cliente il sistema di supervisione.

Le opzioni sono:

  • Touch screen da 7″ o 10″, con gestione da smartphone e tablet integrata
  • Touch Screen da 4″, con gestione da smartphone e tablet integrata
  • Touch Screen da 4″ stand alone
  • Server da quadro (guida DIN) per gestire l’impianto solo da smatphone e tablet

Per quanto i dispositivi mobile sono sempre più utilizzati, vi invitamo a considerare che questi dipendono sempre dalla rete, mentre i nostri touch screen sono collegati fisicamente al bus, quindi funzioneranno anche se la rete va in crash per qualsiasi motivo.