Domotica ClicHome


Sito Domotica Italiano Sito Domotica Inglese

 

Domotica
 

Come è fatto un impianto di Domotica

Qualunque siano le funzioni e la complessità di un impianto di domotica, questo è costituito sempre da tre elementi: Comando, Attuatore, Mezzo trasmissivo.

In sostanza un impianto di domotica è composto da:

  1. Componenti che svolgono fisicamente una determinata funzione, come l'accensione di una luce: gli Attuatori;
  2. Componenti che trasmettono l'ordine di eseguire una determinata operazione, si pensi al pulsante che comanda l'accensione di una lampadina: i Comandi;
  3. Da un mezzo fisico attraverso cui gli ordini vengono trasmessi dal comando all'attuatore: il mezzo trasmissivo.

Esistono attuatori che svolgono funzioni più complesse della semplice accensione di una lampadina, cosi come esistono comandi più evoluti di un semplice pulsante, si pensi al touch screen, ma lo schema di funzionamento è sempre lo stesso.

Molti degli errori di progettazione o di realizzazione di un impianto di domotica dipendono semplicemente dall'aver perso di vista questo semplice meccanismo: COMANDO > MEZZO TRASMISSIVO > ATTUATORE

Domotica: Schema di funzionamento

Domotica, Schema di Funzionamento

Il funzionamento dell'impianto nella sua interezza può essere reso più complesso dall'uso di moduli logici o memorie, che non si limitano a trasmettere dei comandi ma elaborano le informazioni presenti sull'impianto.

Un modulo logico è un componente che elabora le informazioni presenti sull'impianto. Per esempio la pressione di un tasto potrebbe inviare un comando non direttamente all'attuatore che accende la luce, ma essere inviato ad un modulo logico, che poi provvede ad inviare il comando di accensione all'attuatore, ma solo se è notte, informazione resa disponibile da un sensore crepuscolare all'esterno.

In alcune circostanze non è possibile collegare un'utenza direttamente ad un attuatore domotico. Succede spesso ad esempio con gli splitter dell'aria condizionata o con i sistemi di climatizzazione in genere. In questi casi infatti i sotto-sistemi da controllare hanno un grado di complessità in se talmente alto, che già dispongono a bordo macchina di elettroniche evolute.

In queste circostanze l'integrazione del componente all'interno dell'impianto di domotica non può avvenire direttamente ma deve realizzarsi attraverso un interfaccia.

L'interfaccia (o anche gateway) è un componente hardware che consente a due sistemi di controllo (quello domotico e quello specialistico della singola macchina) di dialogare tra di loro a livello infromatico.